ramontittoni

Mi chiamo, Ramon Tittoni, sono un creativo sognatore, con la passione, per il design, la fotografia e l'arte in generale.
apple-Il-mistero-svelato-del-logo

Apple. Il mistero svelato del logo

15 gennaio 2015 - Creatività - , , ,

Il mistero della mela morsicata

Diverse leggende metropolitane sono associate alla spiegazione del morso della mela Apple. C’è chi vede nella scelta del logo un omaggio di Jobs ai Beatles; chi ci vede un significato bibblico
e chi sostiene che sia un simbolo omosessuale e, indirettamente, un tributo in onore ad Alan Turing, il pioniere dell’informatica, che durante la seconda guerra mondiale venne arrestato per omosessualità e sottoposto a castrazione chimica.Tutte le leggende legate alla creazione del logo Apple hanno contribuito, nel tempo, a conferire fascino e mistero al brand.
Sembrerà strano, poi neanche tanto, ma la mela più famosa al mondo, non nasconde nessun mistero dietro alla sua creazione.

Nel 2009 Rob Janoff, il designer incaricato di realizzare il logo più famoso al mondo svelò il mistero.
La mela Apple è nata quando Steve Jobs decise di fare un Restyling del logo, creato a mano con la china dal co-fandatore Ronald Wayne raffigurante Isaac Newton. Il motivo principale è stata la complessità del logo e quindi la dificcile memorizzazione e riproduzione dello stesso, così nel 1977, decise di rivolgersi all’agenzia di Regis McKenna. Rob Janoff, l’art director che si occupò dell’ideazione e della realizzazione del logo Apple, ebbe una sola restrizione “Don’t make it cute”.
Janoff acquistò delle mele al supermercato, le tagliò e le osservò a lungo. Dopo solo due settimane di lavoro, presentò a Jobs due versioni: con e senza morso. La scelta è ricaduta su quella con il morso per un semplice motivo, quella intera poteva essere confusa con una ciliegia.

Quindi al di là di tutte le teorie ed interpretazioni, come lo stesso Janoff dichiarò, quel famoso morso è stato una pura scelta estetica.

“Mordere una mela è un gesto iconico: è qualcosa di cui tutti abbiamo esperienza. Il morso sulla mela attraversa le culture: chi ha mai avuto una mela tra le mani le ha probabilmente dato un morso. Ecco tutto”.  – Rob Janoff

La scelta di aggiungere i colori fu l’esigenza di umanizzare l’azienda, rivolgendosi non solo ad un pubblico di “Nerd” supertecnici ma anche ai giovani. Questo avvenne con il lancio dell’Apple II, le strice arcobaleno sottolineavano l’innovazione del primo personal computer con un monitor che riproducesse immagini a colori. Fu proprio quando Janoff aggiunse i toni dell’arcobaleno invertiti che creò quello che divenne il logo più famoso di tutti i tempi. Inoltre la disposizione dei colori non seguì nessun tipo di logica, ma fu del tutto casuale. L’unica osservazione fatta da Janoff è che il verde sta in cima “perché è dove si trova la foglia”.

Nessuna influenza biblica, nessun significato nascosto, nessuna storia segreta, niente di tutto questo. Sono i valori che trasmette da quando è stata creata la Apple ad aver portato al  successo questo brand, il logo è stato il marchio che ha reso riconoscibili queste valori.

Oggi la mela non presenta più le bande colorate ed ha acquisito un’identità talmente forte da essere riconosciuta in tutto il mondo. Il logo è il simbolo della creatività, del design minimalista, della tecnologia intuitiva e dell’essenzialità. Quelli della Apple non sono semplici clienti ma una comunità. Apple è giovane, fresco, semplice, figo. Apple offre emozioni ed anticipa i nostri desideri. Questa è l’importanza e la relazione che un logo ha con lazienda ed i valori che questa esprime.

Quindi, se avete intenzione di creare il logo della vostra azienda, prima di rivolgervi al “cugino” di turno, fate delle riflessioni, chiedetevi cosa volete comunicare e a chi, chiedetevi quali sono i valori della vostra azienda e poi rivolgetevi ad un professionista, chissà forse il prossimo logo di successo potrebbe essere il vostro.
Che dite?

0 Comments
Di la tua

Lascia un commento